Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Privacy Policy Sitocookies
Contenuti | Motore di ricerca | Indirizzo del Comune | Social | Sezioni del sito | Link Rapidi | Privacy e dichiarazione di accessibilità
Sezioni del sito:
Amministrazione |
Servizi |
Comunica |
Maggiora |
Pubblicazioni |
Sportello digitale del Cittadino |
Link Rapidi |

briciole collegamenti

Brano in dialetto - il"Sacrista"

Dialetto

Al "Söcriscta"

Qula da Magiura l'è gent da ghjeja, bascta dìi ch'i n' àn fatch sü ben sesc: Santös Spirt, Sant 'Antonghju, Santa Cruj, San Rok, Madòna Duluràa e Muciäj.

E j'àn mia scprivà: j'àn traj sü lun-ghi e larghi cume baragi, divusiùn an tal cor e bursìn an män pör fesi pördunèe i pöcai che, miracüli j' eru bén tantch.

I lauravu pörò a sundgia 'd gumbiu cuminciant dal " Söcriscta che, cun tüt qul casament, gh'eva mia tant da bacilèe.

A'nmönsava la matìn bun'ura a fèe Sant Peru cun al chiavùn: daurìi la büsciula, tirèe al cainac e dìi gli urasiùgni che pör la sctraa l'eva già 'nmönsà. Süttu a pisèe i chjiar sü l'altar magiur caminant börbölin börbölìn pör mia döscturbèe al Signur, bütèe giù la tuaja che 'l dì prüma l'era statchia bügandàa e pöi 'n sacrösctia a visèe la cota döscpigàa, 'mpii d'aua e dö vin j' urzöj, deghi 'na pasàa al candlèe pör felu gnii pusè lüsctru.

Al temp al pasava e 'l doni gnevu dint sempri pusè tanti, a s'söntigheva dal socli e dal litanii; pör söcürisi al guardava foo e, cume sempri, la Carlota 'ntal prüm bank la guardava 'n darè pör vughi chi gneva dint; la Maria, cun la curugna 'nt una män e al fasulät 'nt l'auta, prögava e la piangeva; la 'Ngiulina l'era 'n ginutugni davanti la Madona dal Rusariu; la sciura Fasola, 'nzurnia cün al sö gran vel grij, l'era sötàa giù 'ntal sö bank; Pinìn eGiuana, brav matalötti sül bancötti, i ciüpavu la buca, pör mia ghignèe fort.

Al Söcriscta al sunajava la fäscta, tutch i dì l'era la medesima sctoria, e pönsèe che mumenti a s' döscmangava da tiresi foo al giachè e butèe su la väscta negra, ghjusct 'n temp prüma da vüglu gni dint e dighi: " bundì sciur Arsiprät ".

Parlumnu mia quand j' eru sut al fäscti, al pouru Söcriscta l'eva da fesi 'n tri: fèe giù la puuri da pör tüt, tachèe sü i drap sü i pilasctri, pulìi al candeli d'la lanigna e butèji ben dritchi uügna 'npara dl'auta, tirèe foo i candlei, al cartiglorii e i vaj pör i altar dal capäli, pürtèe al mössal dö völùt rus, visèe l'incens dint 'nt al turibulu e al baldachìn pör la pröscisciùn.

Tutch i dì gh'n'era pör sctèe dre a tutch qüi ch'i gnevu pör ghjeja : qüi d'la " Cumpagnia d'Santa Marta " vösctij dö blö, qüi dal " Santissimu Sacrament " cun i parament biank, i mataj ch'i favu un burdal prüma da 'nmönsèe la dutrigna.

I frustej pöi lu tögnevu 'n ausaräla pörquè al seva mia qua i vuresciu: i caritugni i mandava 'ntal previ pör la limosna, pör i caminant al chjamava al campèe, ma, pör qüi ch'i scbörlughjavu dint e foo, al pudeva fèe ma 'na roba: döjmötti e pürteji a vughi scküröö cüntant qüsct e qul dö Sant 'Agapitu.

Alura scì j 'eru cuntentch!

Italiano

Il "Sacrista"

Quella di Maggiora era gente di chiesa, basta dire che ne hanno fatte su ben sei: Santo Spirito, Sant'Antonio, Santa Croce, San Rocco, la Madonna Addolorata e Muciano.

E non hanno risparmiato: le hanno elevate lunghe e larghe come "baragge", devozione nel cuore e borsellino in mano per farsi perdonare i peccati che, forse erano ben tanti.

Lavoravano però con "olio di gomito" incominciando dal Sacrista che, con tutto quel casamento, non aveva tanto da esitare.

Incominciava al mattino di buonora a fare San Pietro con il chiavone: aprire la bussola, tirare il catenaccio e dire le orazioni che aveva già iniziato per strada. Subito ad accendere le luci sull'altare maggiore camminando pianino pianino per non disturbare il Signore , mettere giù la tovaglia che il giorno precedente era stata messa in bucato e poi in sacrestia a preparare la cotta spiegata, riempire di vino le ampolle, dare una passata al candeliere per farlo diventare più lucido.

Il tempo passava e le donne entravano sempre più numerose, si sentivano delle zoccole e delle litanie; per assicurarsi guardava fuori e, come sempre, la Carlotta nel primo banco guardava indietro per vedere chi entrava; la Maria, con la corona in una mano e il fazzoletto nell'altra, pregava e piangeva; l'Angiolina era in ginocchio davanti alla Madonna del rosario; la signora Fasola ingioiellata con il suo grande velo grigio, era seduta giù nel suo banco; Giuseppino e Giovanna bravi bambini sulle panchine, chiudevano la bocca per non ridere forte.

Il Sacrista suonava alla festa, tutti i giorni era la medesima storia, e pensare che a momenti si dimenticava di togliersi la giacca e mettere su la veste nera, giusto in tempo prima di vederlo entrare e dirgli: " Buongiorno signor Arciprete ".

Non parliamone quando eravamo sotto le feste, il povero Sacrista doveva farsi in tre: fare la polvere dappertutto, appendere i drappi su i pilastri, pulire le candele dalla lanina e metterle ben diritte una vicina all'altra, tirare fuori i candelieri, le carteglorie e i vasi per gli altari delle cappelle, portare il messale di velluto rosso, preparare l'incenso dentro il turibolo e il baldacchino per la processione.

Tutti i giorni ce n'era per seguire tutti quei che venivano in chiesa: quelli della " Compagnia di Santa Marta " vestiti di blu, quelli del " Santissimo Sacramento " con i paramenti bianchi, i ragazzi che facevano baccano prima d'iniziare dottrina.

I forestieri poi lo tenevano in sospeso perché non sapeva quello che volevano: gli accattoni li mandava dal parroco per l'elemosina, per i viandanti chiamava la guardia campestre, ma, per quelli che guardavano dentro e fuori, poteva fare solo una cosa: smettere e portarli a vedere lo scurolo contando questo e quello di Sant'Agapito.

Allora sì erano contenti!

Minazzoli Fulvia

Traduzione delle Parole e Verbi usati nel brano
Paroli Parole Verb Verbi
Früsctej Forestieri Sctèe dre Seguire
Caritùgni Accattoni Tachè sü Appendere
Pilasctru Pilastro Visèe Avvisare
Limosna Elemosina Pulii Pulire
Sckürö Scurolo Mandre Mandare
Väscta Veste Tegni Tenere
Giachè Giacca Duèi Dovere
Völùt Velluto Dii Dire
Mössal Messale Cüntèe Contare
Cartiglorii Carteglorie Pudèj Potere
Lanigna Lanina Döjmötti Smettere
Muciäj Muciano Pröghèe Pregare
Divusiùn Devozione Piangi Piangere
Bursìn Borsellino 'Nginutesi Inginocchiarsi
Pöcai Peccati 'Nzurnisi Adornarsi
Sungia Olio di Sötesi Sedersi
d' gumbiu gomito Ciüpèe Chiudere
Söcrista Sacrista Ghignèe Ridere
Casament Caseggiato Sunajèe Suonare
Süttu Subito Döscmanghesi Dimenticarsi
Chjavùn Chiavone Vughi Vedere
Cainac Catenaccio Sbörlughjèe Sbirciare
Büsciula Bussola Söcurisi Assicurarsi
Urasiùgni Orazioni Döscpighèe Spiegare
Chjar Luce Bacilèe Esitare
Börbölìn Pianino Scprivèe Risparmiare
Tuaja Tovaglia Bütèe sü Indossare
Urzöj Bottigliette Tirèe fora Togliere
Incens Incenso
Turibulu Turibolo
Candlèe Candelabro
Lüsctru Lucido
Baldachìn Baldacchino
Pröscisciùn Processione
Litanii Litanie
Burdal Baccano
Sctoria Storia
Dutrigna Dottrina
Puuri Polvere
'N ausaräla In sospeso

[ Torna all'inizio della pagina ]