Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Privacy Policy Sitocookies
Contenuti | Motore di ricerca | Indirizzo del Comune | Social | Sezioni del sito | Link Rapidi | Privacy e dichiarazione di accessibilità
Sezioni del sito:
Amministrazione |
Servizi |
Comunica |
Maggiora |
Pubblicazioni |
Sportello digitale del Cittadino |
Link Rapidi |

briciole collegamenti

Brano in dialetto - "La fede dei Maggioresi"

Dialetto

La fede di Magiures

Chi ven Magiura e al ghjira al paìs a s' rend süttü cünt d' la devusiùn e d'la fede di veghji Magiures guardant al suui bäl ghjeji.

Gnent da Burbanée a s ' vügh süttü la ghjeja d' Sant 'Antonghju cun la sö bäla faciàa e tantch i pensu ch'a sea la ghjeja granda.

An luntananza sura al caij a vansa fora al campanìn riva la ghjeja d'S.Scpirt; 'ndant giù pör la via dal Prèvi 'nver al cimiteru i truuma al ghjeji d'Santa Cruj e dl'Aduluràa.

Al cimiteru i truùma la ghjeja d'Santa Maria d' Muciäj ch' l' è qula pisè vaghja e al furnaj al gh' è la ghiöjötta d'San Rok.

Quant laur, quant preji, quant tatch; i mönavu tüt sura dal Ciciùn cun al carötùn: sasc, ghjara e sabbia. Adas i fuma fadiga a mantegnnii 'n pej e röstuma 'ncantaij dö tüti sct' bäl cüstrusiùgni.

I pudùma pörò dii ch' l'era 'na "roba viva" pörchè cun la fede i gh' eru anche a gl' operi.

Tüti al doni i gh' evu al Rusariu 'n sacogia e i s' vüghevu pröghèe caminant cun scpala al civrö o la civera.

Öncöj i suma sempri dö prascia, un bot i ' ndavu tutch pianìn sü straij e quant i pasavu riva al capäli i gh' evu temp guardèe i Sant, al Signur e la Madona; i favu un Sägn, dighevu 'n urasiùn e truavu la paj d' la ghjurnàa e al curaghju pör fèe tütch i laùr.

Tanti famigli prüma da 'ndèe drumìi i dighevu al Rusariu e surtüt pör i Sant: ditchji gli urasiùgni i manghjavu duu castögnni bruaj e i lasciavu a scpoji sül taulu pör a gl'animi.

Pör al fäscti grandi la ghjeja l'era pigna e la Mössa la gneva cantàa än latìn d' la" Sckola Cantorum"; dopu i väscpri i favu la pröscisciùn 'n tur al paìs cantànt e prögant.

Pör Natal e Pasqua i gh' eru al rapprösöntasiugni sacri dal Pascturäli e dal Vandri Sant.

Tantch j' in sctatch j' at dö fede ' ntal pasà e s' podu mia cünteji tütch; tantch j' in sctatch j' at dö carità e i pisè beij in qüi ch' j' àn fatch an söcrat e che ma 'scti poik veghji ch' a rösta i pudaran cünteni.

Italiano

La fede dei Maggioresi

Chi viene a Maggiora e gira il paese, si rende subito conto della devozione e della fede dei vecchi Maggioresi guardando le sue belle chiese.

Venendo da Borgomanero, si vede subito la chiesa di Sant'Antonio con la sua bella facciata e tanti immaginano che sia la chiesa parrocchiale.

In lontananza sopra le case fuoriesce il campanile vicino alla chiesa della parrocchia. Scendendo per la strada del Parroco, verso il cimitero, troviamo le chiese di Santa e Croce e dell'Addolorata.

Al cimitero troviamo la chiesa di Santa Maria di Muciano che è quella più antica e alle fornaci c'è la chiesetta di San Rocco.

Quanto lavoro, quante pietre, quanti tetti! portavano tutto su dal Sizzone con il carro: sassi ghiaia e sabbia.

Ora facciamo fatica a mantenerle in piedi e restiamo incantati per tutte queste belle costruzioni.

Possiamo però dire che era " una cosa viva" perché con la fede c'erano anche le opere. Tutte le donne avevano il Rosario in tasca e si vedevano pregare camminando con in spalla il gerlo o la "civera".

Oggi abbiamo sempre fretta; una volta andavano tutti pianino sulle strade e, quando passavano vicino alle cappelle, avevano tempo per guardare i Santi, il Signore e la Madonna; facevano un segno, dicevano un' orazione e trovavano la pace del giorno e il coraggio per fare tutti i lavori.

Tante famiglie prima di andare a dormire recitavano il Rosario e soprattutto per i Santi: dette le orazioni, mangiavano due castagne lesse e lasciavano le bucce sul tavolo per le anime.

Per le feste solenni la chiesa era piena e la Messa veniva cantata in latino dalla "Scuola Cantorum"; dopo i vespri facevano la processione intorno al paese cantando e pregando.

Per Natale e Pasqua c'erano le rappresentazioni sacre delle Pastorelle e del Venerdì Santo. Tanti sono stati gli atti di fede nel passato e non si possono contare tutti; tanti sono stati gli atti di carità e i più belli sono quelli che hanno fatto in segreto e che solo questi pochi anziani che rimangono potranno raccontarci.

Marucco Attilio

Traduzione delle Parole e Verbi usati nel brano
Paroli Parole Verb Verbi
Faciàa Facciata Ghjrèe Girare
Ghjeja granda Chiesa parrocchiale Vansèe Avanzare
D'Muciäj Di Muzzano Mönèe sü Portare su
Tatch Tetti Pudéi Potere
Furnaj Fornaci Pröghèe Pregare
Ghjara Ghiaia Cantèe Cantare
Sasc Sassi
'Ncantài Incantati
Sct'bäl Queste belle
Custrusiùgni Costruzioni
Roba viva Cosa viva
Sägn Segno
Paj Pace
Ghjurnàa Giornata
Curaghju Coraggio
Scpoji Bucce
Pigna Piena
Söcrat Segreto

[ Torna all'inizio della pagina ]