Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Privacy Policy Sitocookies
Contenuti | Motore di ricerca | Indirizzo del Comune | Social | Sezioni del sito | Link Rapidi | Privacy e dichiarazione di accessibilità
Sezioni del sito:
Amministrazione |
Servizi |
Comunica |
Maggiora |
Pubblicazioni |
Sportello digitale del Cittadino |
Link Rapidi |

briciole collegamenti

Brano in dialetto - Le "pastorelle"

Dialetto

Al "pascturäli"

Quant i nösct antönai j' àn fundà e cusctruì Magiura già j' evu capì che qül trei cuntraij, via Marconi, via Don Minzoni, e via Gattik, un dì i saresciu sctatchji al trei straij di tri re Magi.

L' e' la "Pifanìa"sül tacquìn; ma pör Magiura l' era la " Fäscta dal Pascturali", e da ogni cuntràa un re Magiu al gneva riva a la meta, a la piasa d' la ghjeja.

Palüdai ' nti söi regal vösctii, al grand mant dö völut e la curugna ' n täscta i vansavu dritch süi söi cavaj dal curugi lüsctri e j' uttùn lüjent.

Rivavu puntual a l' appuntament cume tramandà dal Sacri Scrittüri; e gliò pör aria sura d' lui la sctäla cumeta l' era prunta a musctreghi al camìn.

Un fil d' acciar al partigheva d ' la ca dal Nildu Basctaroli, al rivava al fönösctrùn 'n mez la faciàa d' la ghjeja e da dint al cuntinuava fin a la gabana pugiàa sül piän süt la balaüsctra dl' altar.

I Magi rivai a l' appuntament, dighevu al paroli sempri rpurtai dal Sacri Sckrittüri, gnevu giù di cavaj e ' nda vu dre la sctela tacà sü sül cügiäli e tirà cun un fil da un manuvratùr pusctà sül curnijùn dre d' la fönasctra.

Alura quscta pian pian la travörsava la piasa la ' ndava dint ' n ghjeja e la ' ndava förmèsi sü la cabana.

I Magi ' ndanghi dre, j' evu fatch la stràa ghjüscta e truè al Bambìn da durèe. Fora sül sagrà i pasctùr e al pascturäli.

Un bot al gh'era anche qül pasctùr giuunu da Fugnan cul suu päuri e l' asu, sü la sö sckegna al gh' eva butà la bisacia cun 'na sacogia pör part e da quscta a vansava fora la tösctigna dö düi 'gnöligni.

A sarava la rappresentasiun al lung döscurs dal Gelindu, al cap di pasctùr; 'na mösckjüranda d' taglian, piemuntes e magiures. 'Na roba fantasctica.

Magara quaid'ün o tantch j'evu capì ben pok dö qul ch' j' evu ditch. Ma l'era 'na bäla fäscta.

Italiano

Le "Pastorelle"

Quando i nostri antenati hanno fondato e costruito Maggiora, già avevano capito che quelle tre contrade, via Marconi, via Don Minzoni, e via Gattico, un giorno sarebbero state le strade dei tre re Magi.

E' l'Epifania sul calendario; ma per Maggiora era la " Festa delle Pastorelle", e da ognuna delle tre contrade un re Magio si avvicinava alla meta, alla piazza della chiesa.

Paludati nei loro regali vestiti, il gran manto di velluto e la corona in testa avanzavano impettiti sui loro destrieri dalle cinture lucide e gli ottoni lucenti.

Arrivavano puntuali all'appuntamento come tramandato dalle Sacre Scritture; e lì in alto sopra di loro la stella cometa era pronta ad indicare loro il cammino.

Un filo di acciaio partiva dalla casa del Nildo Bastaroli, arrivava al finestrone in mezzo alla facciata della chiesa e all'interno continuava fino alla capanna posta sul piano sottostante la balaustra dell'altare.

I Magi, arrivati all'appuntamento pronunciavano le parole sempre riportate dalle Sacre Scritture, scendevano dai cavalli e seguivano la stella appesa su carrucole e tirata per mezzo di un filo da un manovratore appostato sul cornicione dietro la finestra.

Allora questa, adagio, adagio attraversava la piazza, entrava in chiesa e andava a fermarsi sulla capanna.

I Magi, seguendola, avevano percorso la strada giusta e trovato il Bambino da adorare.

Fuori sul sagrato i pastori e le pastorelle. Una volta partecipò quel giovane pastore di Fognano col suo gruppetto di pecore e l'asino, sulla groppa di questo aveva gettato la bisaccia con una tasca per parte dalla quale spuntava la testolina di due piccoli agnellini.

Chiudeva la rappresentazione il lungo discorso del Gelindo, il capo dei pastori; un poutpourrj di italiano, piemontese e maggiorese. Una cosa fantastica. Magari qualcuno o tanti avevano capito ben poco di quanto aveva detto. Ma era una bella festa.

Dai ricordi di Giacomino De Vittor

Traduzione delle Parole e Verbi usati nel brano
Paroli Parole Verb Verbi
Pascturäli Pastorelle Capìi Capire
Cuntraij Contrade Vansèe Avanzare
Pifanìa Epifania Musctrèe Insegnare
Tacquìn Calendario Travörsèe Attraversare
Curugia Cintura 'Ndèe dint Andare dentro
Fönösctrùn Finestrone Förmesi Fermarsi
Balaüstra Balaustra Durèe Adorare
Sctela Stella Vansèe fora Fuoruscire
Curnijùn Cornicione
Pasctùr Pastore
Päuri Pecore
Asu Asino
Sckegna Schiena
Bisacia Bisaccia
Sacogia Tasca
Gnöligni Agnellini
Tösctigna Testina
Gabana Capanna
Fugnan Fognano
Mösckjüranda Mescolanza

[ Torna all'inizio della pagina ]