Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Privacy Policy Sitocookies
Contenuti | Motore di ricerca | Indirizzo del Comune | Social | Sezioni del sito | Link Rapidi | Privacy e dichiarazione di accessibilità
Sezioni del sito:
Amministrazione |
Servizi |
Comunica |
Maggiora |
Pubblicazioni |
Sportello digitale del Cittadino |
Link Rapidi |

briciole collegamenti

Brano in dialetto - "Quel bel Natale di una volta"

Dialetto

Qul bél Natal d'un bot

Qul bél Natal d'un bot l'era sempri biank cun la fioca düra e i ghjaciöi, i santej sckavai dritch fen la Ghjeja.

E a mäsa notch tutch 'n fila uün dre l'aut cume furmighi, pigni dö fratch sö 'ndava a Mössa sctrüjant dré i pej 'n tö qul grevi socli dö lägn.

An ven ön ment la Ghjeja cun tuti qul candeli visckai e al doni ch'i 'ntunavu i cor: la Maria d'la Ritin, la Maria Jaumötta e la Carulinùn.

Ca pöi nö scpötchjava al bél caudìn dal tok dö lägn ch'al brujava tüta la notch pör sckaudèe al Bambìn Sant e 'ntl'aria l'uduu dal dijnèe già cotch prunt pör al dì dö fascta.

E la sctregna, i v' la 'rgurdè la sctregna? Trei nuji, trei nicioli e 'l Bambìn l'era bäla che pasà.

Ah! Qul Natal d'un bot, pouru ma tantu bél, cui vedri panaj e al fök 'ntal camìn e al causi dö lägna e giölugni 'ntal mägni.

Italiano

Quel bel Natale di una volta

Quel bel Natale di una volta era sempre bianco con la neve dura e il ghiaccio, i sentieri scavati diritti sino alla Chiesa.

E a mezza notte tutti in fila uno dietro l'altro come formiche, infreddolite si andava a Messa strisciando i piedi in quei pesanti zoccoli di legno.

Mi viene in mente la Chiesa con tutte quelle candele accese e le donne che intonavano il coro: la Maria della Ritin, la Maria Jaumötta e la Carulinun.

A casa poi ci aspettava il bel caldo del pezzo di legno che bruciava tutta la notte per scaldare il Bambino Santo e nell'aria l'odore del pranzo già cotto preparato per il giorno di festa.

E la strenna, ve la ricordate la strenna? Tre noci, tre nocciole e il giorno di Natale era già passato.

Ah! Quel Natale di una volta, povero ma tanto bello, con i vetri appannati e il fuoco nel camino e le calze di lana e i geloni nelle mani.

Kiko - Macri

Traduzione delle Parole usati nel brano
Paroli Parole Paroli Parole
Bot Volta Giölugni Geloni
Fioca Neve Lägna Lana
Ghjaciöi Ghiaccioli Fök Fuoco
Furmighi Formiche Mägni Mani
Fratch Freddo Panaj Appannati
Pej Piedi Nicioli Nocciole
Socli Zoccole Sctrüjè Strisciare
Uduu Odore Sckavèe Scavare
Dijnèe Pranzo Visckèe Accendere
Nuji Noci Sckaudèe Scaldare

[ Torna all'inizio della pagina ]