Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Privacy Policy Sitocookies
Contenuti | Motore di ricerca | Indirizzo del Comune | Social | Sezioni del sito | Link Rapidi | Privacy e dichiarazione di accessibilità
Sezioni del sito:
Amministrazione |
Servizi |
Comunica |
Maggiora |
Pubblicazioni |
Sportello digitale del Cittadino |
Link Rapidi |

briciole collegamenti

Brano in dialetto - "L'opera di San Vincenzo"

Dialetto

L'opera d'Sant Visent

J'eru gliò 'ntur a don Pavesi 'ntla salötta d'la San Visent, tüti al duminichi dopu mössa. Prüma dö tüt a s'digheva 'na pita urasiùn dö ringrasiament, pöi al timùn dal biruncìn cun al querchju dö lamèra e al roi d'una biciclèta sö 'nmönzava al ghjir dal paìs.

'Ntal casciùn eru sctatch bütaj tantch sacötigni quantch eru j'assisctij, ch'i evu truà già prunt, visaj da magni prömurusi e caritateuli, süi tauli 'ntur al trei müraji: pan, farigna, pascta, legüm, la presa dal sal, la sckatula di fochi, la buteglia dl'oliu... tüt qul 'nsuma ch'al pudeva basctèe, a qüi temp, a qüi puureit che niaitch i 'ndavu a truèe, pör pasèe 'na scmägna süt l'ala d'la Divina Pruidensa.

Paroli pouri quli dö don Pavesi. Paroli semplici 'ntla prununcia ma paroli grandi 'ntal sensu che vurevu dii.

E grand eru i ghjinarus magiures che dö solitu an söcrat riüscivu, cun tüti al difficultai d'la famiglia, a fèe rivèe 'ntla sede d'la S.Visent tüt qul ch'a gh' 'ndava che, duminica dopu duminica, gn'eva datch ai bösugnùs dal paìs.

Al me ascisctì pröförì l'era al " Ghjüliu masaria".

Fin a pok temp prüma l' eva fatch al furnèe dal "Funsùn" al nonu dal "Funsetu Colombo"; pöi qusct l'eva sarà sü fur e butèa e al Ghjüliu al viveva cume al pudeva jutand un po' chilò e un po'là; a sctava 'n duu sctansi là 'ntla ca' dl'Endi Poggia.

Sül balùu dö lägn davanti a sctansi, dopu al racòlt, al bütava söchèe di fajulùgni dö Scpagna gros pusè che un diùn.

L'era mia propriu da Magiura..ma un gran brav om.

Al cüntava tüt d'la sö vita d' furnèe 'ntant ch' a s' lasciava cun curaghju rasèe ogni duminica la barba.

E al barbée era mi...mi che quaji quaji i fava gnianca la mea barba! Pouru Ghjüliu: I bütava sckaudèe sül fök un pignatìn d'aua, dopu 'na lunga 'nsaunadüra pör fèe gnii muljìn qüi pel ch'i scmiavu scpigni tant eru dür.

Dopu, un culp dö sckua e sctrac. E iscì a s'à cuntinuà fen quand la "Ca Mari d'Diu " l'è gnua 'na realtà; abilment dirigiua d'la noscta Maria " Murötugna".

L'è al sc'ren röfughju di bösugnus d'assisctensa e dal cüri necessari pör rivèe cuntentch al traguard dl'a fin.

Italiano

L'opera di San Vincenzo

Eravamo lì attorno a don Pavesi nella saletta della S.Vincenzo, tutte le domeniche dopo la messa. Innanzi tutto si rivolgeva una preghierina di ringraziamento, poi al timone del furgoncino col coperchio di lamiera e le ruote di una bicicletta si iniziava il giro del paese.

Nel cassone erano stati riposti tanti sacchetti quanti erano gli assistiti, che avevamo trovato già pronti, preparati da mani premurose e caritatevoli sui tavoli attorno alle tre pareti: pane, farina, pasta, legumi, la presa del sale, la scatola dei fiammiferi, la bottiglietta dell'olio...tutto quello insomma che poteva bastare, a quei tempi, a quei poveretti che noi andavamo a trovare, per passare una settimana sotto l'ala della Divina Provvidenza.

Parole povere quelle di don Pavesi. Parole semplici nella pronuncia ma parole grandi nel significato profondo che esprimevano.

E grandi erano i generosi Maggioresi che generalmente sotto l'anonimato più stretto riuscivano, malgrado tutte le ristrettezze familiari a far giungere nella sede della S.Vincenzo tutto il necessario che, domenica dopo domenica, veniva distribuito ai bisognosi del paese.

Il mio assistito preferito era il "Giüliu masaria".

Fino a poco tempo prima aveva fatto il fornaio dal " Funsùn" il nonno del " Funsetu Colombo "; poi questi aveva chiuso forno e bottega e il Giüliu viveva come poteva aiutando un po' qui un po' là; abitava in due camere là nella casa dell'Endi Poggia.

Sul "baluu"di legno davanti alle stanze, dopo il raccolto, metteva a seccare certi fagioloni di Spagna grossi più di un pollice.

Non era proprio un maggiorino puro sangue... ma un gran brav'uomo.

Raccontava tutto della sua vita di fornaio mentre si sottoponeva con coraggio alla rasatura rituale settimanale della barba.

E il barbiere ero io ...io che quasi quasi non facevo quasi neanche la mia barba! Povero Giulio: mettevo a scaldare sul fuoco un pentolino d'acqua, poi una lunga accurata insaponatura per ammorbidire quei peli che sembravano spine tanto erano duri.

Dopo, un colpo di scopa e straccio. E così si continuò fino a quando la "Casa Madre di DIO " non divenne realtà; abilmente diretta dalla nostra "Maria Murötugna".

E' il sereno rifugio dei bisognosi di assistenza e delle cure necessarie per arrivare in letizia al traguardo finale.

Dai ricordi di Giacomino De Vittor

Traduzione delle Parole usati nel brano
Paroli Parole Paroli Parole
Gliò Scpagna Spagna
Duminica Domenica Om Uomo
Mössa Messa Curaghju Coraggio
Visent Vincenzo Barbée Barbiere
Urasiùn Preghiera Pignatìn Pentolino
Casciùn Cassone Pel Pelo
Timùn Timone Scpigna Spina
Lamèra Lamiera Sckua Scopa
Sacät Sacchetto Sctrac Straccio
Assisctì Assistito Taulu Tavolo
Pän Pane Verb Verbi
Farigna Farina Visèe Preparare
Pascta Pasta Sckiisèe Bastare
Legùm Legume Fèe rivèe Far giungere
Presa dal sal Presa del sale Sarèe sü Chiudere
Focu Fiammifero Vivi Vivere
Oliü Olio Jutèe Aiutare
Puurìn Poverino Söchèe Seccare
Scmägna Settimana Cüntèe Raccontare
Pruidensa Provvidenza Rasèe Radere
Ghjinarus Generoso 'Nsaunèe Insaponare
Furnèe Fornaio Scmièe Sembrare
Balùu Pontile Sckaudèe Scaldare
Fasjulùgni Fagioloni Cuntinuèe Continuare
Diùn Pollice Dirìgi Dirigere

[ Torna all'inizio della pagina ]