Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Privacy Policy Sitocookies
Contenuti | Motore di ricerca | Indirizzo del Comune | Social | Sezioni del sito | Link Rapidi | Privacy e dichiarazione di accessibilità
Sezioni del sito:
Amministrazione |
Servizi |
Comunica |
Maggiora |
Pubblicazioni |
Sportello digitale del Cittadino |
Link Rapidi |

briciole collegamenti

Brano in dialetto - "I lavori nella vigna"

Dialetto

Al vigni

Quarant agn fa i gh'eru tant vigni a Magiura, adäs a gh'n'è bäla più.

Si 'ndè sü pör al Capäli o al möt dal Cerchju i vughì tant beij mureit dö sasc ch'i tögnevu sü la ghjara dal topji.

Quant laùr j' àn fatch i veghji 'ntla vigna! adäs l'è quaji tüt busckinà e jerbiu.

Pör fèe frutèe la vigna a gh' 'ndava scteghi dre: puèla, scpianèla, bagnèla, sapèla, 'nsufrèla, ...e, se la nada l'era bugna, i s' favu 'na bäla vandömmia e al vin bun.

I laùr 'ntla vigna

La puadüra a s' fava d'invär 'ntal bäl ghjurnai e tur pör i möit a s' pudeva senti cantèe al frujötti; i vignaroij i pulighevu bén al caràci e i lasciavu un nuvèl cun cinq giämi da früt.

'Ntal pè i lasciavu foo un quai nuvél e pör fela mia curi e teinla 'n dre i lasciavu foo un quai scprun.

I taj mia fatch bén i duvevu si rbatùi e furnì da laurèe a gh 'ndava vüghi i ciöntesmi pör tära.

Dopu vei puà la vigna, a gh 'ndava 'nbuschèla guzzand i palèit ch'i tögnevu mia e bütand i növ.

A s' tiràva pöi sü 'nmönzand lighèe al caraci 'nti mözzaröij e dopu a sö scpianava i cöj fant di beij ligam sü i fil dö färu cu' i saljìn.

Pör 'ngrascèla, a s' tirava via la tära riva la gamba cun la sapa e s' fava un letch dö liam; dopu a s' quarchjava turna. Pör deghi aria e fèe 'ndèe l'aua riva al rej a gh' ndava sapèla.

Quant a gneva foo al foji, sö 'nmönzava al bagnadüri cun al vördöram e a söcunda dal nadi eru: quattru, ..sesc, .. ot ...

Quant laùr pör bagnèla! pegna la malatìa la 'ndava dint (caucinì, prönoscpera) i s' spasavu la vuj 'ntal paìs e i curevu sü cun la"vermurel", i tulùgni, la caucigna e al liquidu.

'Ntal vigni i gh'eru i tujò ch'i gnevu 'mpii cun l'aua dal crös o d'la boghja; a s' butava möj al sacät dal liquidu (vördöram) pör felu jlönguèe, a sö rgiungeva d'la caucigna e a s' trujava tüt cun un basctùn.

Quant a gneva 'n bel culùu blö sö 'mpigheva la vermurèl e ' s' pumpava pör fèe un bél gèt ch' al bagnava da sut e da sura al foji.

A s' lascia a la vöscta fantasia pönsèe cume j'eru duisaj i bagnaduj: causunaic e camijaci, un caplac e un fasülötac davanti la buca pör mia röscpirèe al liquidu.

Italiano

Le vigne

Quarant'anni fa c'erano tante vigne a Maggiora, adesso non ce ne sono quasi più.

Se andate su per le Cappelle o per il motto del Cerchio, vedete tanti bei muretti di sasso che trattenevano la ghiaia dei filari.

Quanto lavoro hanno fatto i vecchi nella vigna! adesso è diventato quasi tutto bosco e gerbido.

Per fare fruttificare la vigna bisognava seguirla: potarla, legarla sui fili, bagnarla, zapparla soffiarle lo zolfo, ... e, se l'annata era buona, si facevano una bella vendemmia e il vino buono.

I lavori nella vigna

La potatura si faceva d'inverno nelle belle giornate e in giro per le colline si poteva sentire cantare le cesoie; i vignaiuoli pulivano bene i grossi tralci e lasciavano un tralcio nuovo con cinque gemme da frutto.

Nel piede della ceppaia si lasciava un tralcio nuovo e, per evitare che si allungasse, lasciavano sul tralcio vecchio una gemma. I tagli poco precisi si dovevano rifare e a lavoro ultimato bisognava vedere i " centesimi " ( ritagli ) per terra.

Dopo avere potato la vigna, bisognava riassettare i pali aguzzando quelli che non reggevano e sostituendoli con i nuovi.

Si riallacciava ai pali legando i tralci grossi nei pali di mezzo e successivamente si legavano i tralci, facendo dei bei legamenti sui fili di ferro, con i salici.

Per ingrassarla, si toglieva la terra vicino al ceppo con la zappa e si faceva un letto di letame; successivamente si ricopriva.

Per dare respiro e fare penetrare l'acqua vicino alle radici, bisognava zapparla. Quando germinavano le foglie, si iniziavano le bagnature con il verderame e a seconda delle annate erano: quattro, ...sei, .. otto...

Quanto lavoro per irrorarla! appena la malattia entrava (oidio, pronospera), si informavano l'un l'altro in paese e correvano su con la "vermorel", le latte, la calce e il verderame.

Nelle vigne c'erano i tubi che venivano riempiti con l'acqua dell'avvallamento o della buca; si metteva a bagno il sacchetto del verderame per farlo liquefare, si aggiungeva della calce e si mescolava tutto con un bastone.

Quando si colorava d'azzurro, si riempiva la vermorèl e si pompava per fare un bel getto che irrorava di sotto e di sopra le foglie.

Si lascia alla vostra fantasia immaginare come erano vestiti i bagnatori: calzonacci e camiciacce, un cappellaccio e un fazzolettaccio davanti alla bocca per evitere di respirare il liquido

Attilio Marucco

Traduzione delle Parole usati nel brano
Paroli Parole Verb Verbi
Sasc Sasso Tegni Tenere
Ghjara Ghiaia Puèe Potare
Topia Filare Scpianèe Spianare
Nada Annata 'Ngrascièe Ingrassare
Puadüra Potatura Sapèe Zappare
Frujötta Cesoia Bagnèe Irrorare
Vignaröi Vignaioli 'Nsufrèe Mettere lo zolfo
Caracia Tralcio grosso 'Nbuschèe Mettere i pali

[ Torna all'inizio della pagina ]